We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

“Alla Giustizia italiana si può sopravvivere”, parola di Alfonso Papa

1 2 0
27.09.2019

“Non mi va di fare la vittima, non sono l’unico in Italia che è sopravvissuto ad alcuni mesi di gogna mediatica e alla carcerazione preventiva per reati di cui si sapeva innocente, ora ho voltato pagina e non ho aspettato l’assoluzione in secondo grado per farlo... e dico: ho ancora fiducia nella giustizia, anche perché altrimenti nel nostro paese crolla tutto”.

Alfonso Papa, ex deputato del Pdl, sacrificato dal suo stesso partito sull’altare giustizialista di un’inchiesta di Henry John Woodcock sulla cosiddetta P4, ad otto anni di distanza dai titoli sui giornali e dalla clamorosa richiesta di arresto alla Camera dei deputati ha finalmente ottenuto l’agognata giustizia. Con grave ritardo come quasi tutti in Italia. È una sorta di “chi ha dato ha dato e chi ha avuto ha avuto”? Lo chiediamo proprio a lui, all’interessato.

Alfonso Papa, lei in un’intervista dell’8 dicembre 2011, dopo sei mesi di carcere a Poggioreale e due mesi di arresti a casa, diceva proprio a chi scrive su “L’Opinione” che il tema del carcere era prioritario per la giustizia italiana. E che avrebbe passato il resto della sua vita politica a sensibilizzare la gente su questa battaglia........

© L'Opinione delle Libertà