We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Il calcio metafora di vita

2 0 0
04.10.2019

Pare che un tempo all’Imperatore della Cina non si potessero dare cattive notizie senza addolcirle. Così che, se una Provincia dell’Impero si ribellava il Confucio di turno mormorava sommesso all’orecchio del dio terreno qualcosa del tipo «C’è un vento freddo che spira da Ovest». Similmente, si licet, Carlo Ancelotti, allenatore del Napoli Calcio, dice di Lorenzo Insigne, capitano della suddetta squadra, «non lo ho visto brillante in allenamento». E, per conseguenza, Insigne non solo non parte titolare, ma non è neanche in panchina. E vede la partita Genk-Napoli di Coppa dei Campioni dalla tribuna come potrebbe fare uno qualsiasi di noi. Fatto questo che testimonia certamente un attrito tra i due, forse addirittura una tensione interna allo spogliatoio. Che potrebbe a sua volta essere causa o sintomo del periodo non esaltante che la squadra sta vivendo. Ora queste cose sono già note a quelli cui stanno a cuore le vicende calcistiche del Napoli, e con ogni probabilità non interessano agli altri. Per cui, dirà il lettore, non varrebbe la pena parlarne. Se non fosse........

© Corriere del Mezzogiorno