We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

SALVATORE È RISORTO

3 0 0
13.06.2019

DI MAURIZIO PATRICIELLO

Si chiama Salvatore. Ho voluto incontrarlo. Sapevo che aveva molto da insegnarmi. Comincio da un giorno ormai lontano. Martedì 5 maggio 1998, sono le quattro del pomeriggio. In Campania piove da diversi giorni. A Sarno, nel Salernitano, e nei paese limitrofi, la vita scorre serena, come sempre. Non c’è motivo per cui i cittadini dovrebbero essere in ansia. A memoria d’uomo, le montagne che circondano il paese non sono mai state minacciose. Accade all’improvviso. Un fiume di fango inizia a scivolare giù e travolge le prime case. Il bilancio è pesante: due morti, uno è un bambino. Scatta l’allarme, arrivano i vigili del fuoco. La paura inizia a farsi strada nel cuore della gente. Una valanga. Sarà l’unica o ne seguiranno altre? Purtroppo ce ne saranno diverse e faranno molte vittime. Alcuni paesi, di qua e di là della montagna, sono fortemente a rischio. I più colpiti saranno la frazione di Episcopio, dove risiede Salvatore, e Bracigliano e nell’Avellinese, il paese di Quindici. Iniziano le prime evacuazioni. Mezzanotte è passata da pochi minuti. Siamo ormai a mercoledì 6 maggio. Salvatore, padre di tre figli, tiene d’occhio la montagna e la casa che........

© Alganews