We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Sessanta anni di arte italiana raccontati con l'opera di Carlo Carrà

4 3 0
02.01.2019

Non capita spesso di uscire da una mostra con la sensazione di avere ricevuto più di quanto ci si aspettava. Accade con l’esposizione che Palazzo Reale a Milano dedica a Carlo Carrà.

Percorrendo le sale che accolgono oltre centotrenta opere, non solo si ha una visione completa e approfondita del percorso artistico del pittore – piemontese di nascita e milanese di adozione – ma si gusta anche il sapore frizzante del tempo.

Il periodo che va dai primi del Novecento agli anni Sessanta è davvero intenso per l’arte italiana e Carrà vive da protagonista avanguardie storiche, ritorni all’ordine, contaminazioni, ma anche cenacoli dove pittori, scultori, poeti, critici d’arte si riuniscono per parlare di poesia, arte, filosofia magari intorno a un minestrone consumato tradizionalmente a mezzanotte o sfidandosi a bocce sotto il sole della Versilia…

Durante la sua carriera, Carrà respira in Italia, Francia e Inghilterra i grandi movimenti artistici – impressionismo, divisionismo, fauvismo, espressionismo, cubismo, futurismo, metafisica, astrattismo, dadaismo, surrealismo – con il carattere del grande artista che tutto sperimenta e interpreta, elaborando ogni volta tratti originali, fecondi che tendono sempre verso un oltre e sfociano poi nello stile largo e........

© agi