We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

L’intesa che serve fra ministri e alti funzionari

1 0 0
12.07.2019

Se l’architettura asseconda la funzione, il ministero degli Esteri ne è un bell’esempio. Al primo piano della Farnesina, un lungo corridoio collega in successione gli uffici del ministro con quelli del Segretario generale. C’è in mezzo a quel corridoio una porta di separazione, ma nessuno si ricorda di averla mai vista chiusa. Un’immagine plastica della sinergia tra politica e amministrazione, tra le rispettive funzioni apicali d’indirizzo e esecutiva. Com’è ovvio, non sono stati sempre rose e fiori, ma il principio e la sua rappresentazione sono rimasti integri.

C’è da confidare che nei ministeri italiani non manchino altrettanti corridoi aperti. Specie in quelli dove le funzioni esercitate riguardano più direttamente la sovranità degli Stati, destinate come sono a tutelare l’integrità e la sicurezza politica e economica delle Istituzioni e dei cittadini.........

© La Stampa