We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Scomode verità su Facebook in vista delle elezioni europee

1 0 0
12.07.2019

Dopo quanto emerso sulle interferenze di paesi terzi e ignote organizzazioni che durante il referendum 2016 sulla Brexit sponsorizzavano contenuti politici a favore dell’uscita della Gran Bretagna dall’UE, Facebook ha deciso di fissare nuove regole in tutti gli Stati membri europei. Già a partire da queste elezioni, chiunque voglia pagare per diffondere contenuti politici nell’Unione potrà farlo unicamente nel proprio paese. La procedura prevista dal social network richiede infatti una registrazione con documento d’identità con la quale è possibile sponsorizzare contenuti solo nel paese di residenza.

Se una regola di questo tipo potrebbe avere un senso negli Stati Uniti, dove è sufficiente una registrazione per tutti i 50 Stati, lo stesso non si può dire per l’Unione Europea, dove vengono infatti richieste 28 registrazioni diverse per avere accesso a sponsorizzazioni politiche di respiro continentale.

Il risultato di questa nuova procedura è che, di fatto, ai partiti politici dell’UE risulta impossibile utilizzare le piattaforme del gruppo Facebook per le loro comunicazioni elettorali a livello europeo. Un tale impedimento non riguarda però solamente i partiti politici dell’Unione ma........

© La Stampa