We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

La potenza del perdono. Abbandonare odio e vendetta per far del bene anche a se stessi

2 1 0
12.07.2019

Sono una mamma che ha perso metà del suo cuore in un gelido pomeriggio di otto anni fa.L’ho seppellito lì, insieme ad Andrea sotto qualche manciata di terra.Vittime noi, privati per sempre del suo amore. Vittima lui, portato via dalla scelleratezza umana di chi non rispetta la vita con la sua preziosa ed incommensurabile unicità. Sono una mamma che, nello stesso istante in cui le è stato comunicato che il proprio figlio non sarebbe più tornato a casa, ha dovuto compiere la scelta più difficile e affrontare la sfida più ardua per un essere umano: tentare di vivere e di non farsi schiacciare da un dolore che si fa fatica anche solo a nominare. L’ho fatto per chi era rimasto, l’ho fatto neppur sapendo a cosa e a chi aggrapparmi, se non ad un amore infinito che mi urlava di vivere, di agire, di combattere al posto di chi non avrebbe più potuto farlo.

Con tenacia e avvicinandomi ad una realtà fino a quel momento sconosciuta, ottenemmo l’istituzione di una nuova fattispecie di reato per gli omicidi stradali. Con forza, impegno e determinazione inseguii il sogno di mio figlio e in Africa realizzammo, e da allora continuiamo a realizzare, pozzi profondi per l’accesso all’acqua potabile a beneficio di popolazioni........

© La Stampa