We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Italia bella come un pelo nell'ovvio

5 7 0
09.08.2019

Lo stato di uno stato in cattivo stato. Serve molto amore, servono emozione ed empatia per trovare Una diversa bellezza in questa povera Italia di passioni tristi. Emiliano Mancuso aveva quello che serve.

Noi però non abbiamo più lui, ed è una perdita doppia. Ci manca l’uomo, ci manca il fotoreporter.

Se n’è andato troppo presto, un anno fa, a poco più di quarant’anni di età, lasciandoci abbastanza del suo lavoro per amarlo, e per rimpiangere quello che non ci sarà.

La sua mostra di fotografie e anche di film, sua ultima passione, al Museo di Roma in Trastevere, è un affidavit, un certificato di esistenza e assieme un invito a non finirla qui, a non chiudere gli occhi.

A strizzarli, magari, come si fa per vedere qualcosa che è vicino, troppo vicino, per metterla a fuoco come si deve. Ha un bel da dire Capa con quel suo comandamento dell’essere “abbastanza vicini”, forse il suo abbastanza contemplava la possibilità di un troppo che acceca, quello dell’abitudine, del dare per scontato, del non vedere quello che è troppo facilmente visibile.

Dice bene Renata Ferri, che ha curato questa mostra con grande amore e rimpianto: “Emiliano Mancuso doveva........

© La Repubblica