ferrara

cronaca

Comacchio Infrastrutture (con la realizzazione della nuova statale Romea a due corsie di marcia da Mestre a Ravenna, con il potenziamento della idrovia ferrarese, attraverso interventi di messa in sicurezza dell’imboccatura del portocanale di Porto Garibaldi ed ulteriori interventi per rendere navigabile l’intero asse fluviale del Po e nuovi collegamenti con la linea di Costa mediante servizio di navetta-bus), sviluppo del commercio (grazie al nuovo bando da 18 milioni di euro, per attingere a contributi a fondo perduto con spese massime finanziabili di 200mila euro), potenziamento delle strategie di valorizzazione turistica, lavorando sul tema della destinazione turistica e su campagne mirate nei mercati di riferimento (soprattutto quelli di lingua tedesca, dalla Germania alla Svizzera sino all’Austria, recuperando quello olandese) sono i cardini attorno ai quali è ruotato, venerdì, il dibattito al Tavolo del Turismo, alla presenza dell’assessore regionale Andrea Corsini, che si è svolto a Palazzo Bellini. Fra i progetti di fattibilità per una interconnessione più rapida e diretta tra Ravenna e Venezia, che ponga al centro Comacchio ed i suoi lidi, soppesando costi, benefici, affluenza, è emerso come la linea di costa tramite servizio di navetta-bus sia la strategia più a portata di mano. Pur ritenendo il confronto proficuo, Gianni Nonnato, responsabile del Consorzio del Lido Nazioni, rileva «una nota dolente dovuta al perdurare della mancanza di collegamenti ferroviaria. Il treno sarebbe di vitale importanza per il nostro territorio - afferma Nonnato - visto che in Romagna c’è la metro mare, è giunto il momento di introdurre la ferrovia ai lidi». Previsto lo stanziamento di un ulteriore milione di euro, da parte di Anas, per il rifacimento del manto stradale lungo la superstrada. Presenti all’incontro il sindaco Pierluigi Negri, la giunta e i rappresentanti delle associazioni di categoria. Reazioni «La Regione attende le nostre proposte operative per l’istituzione del collegamento di costa mediante navetta - commenta Davide Bellotti, presidente provinciale di Cna - occorre ragionare a livello nazionale sull’ultimazione del collegamento Ravenna-Mestre e, in orizzontale creare un’asse anche per le merci verso il Tirreno. Le merci ora da Ravenna si dirigono verso Ferrara, Bologna e Padova, per poi raggiungere Venezia. È necessario un collegamento diretto verso Venezia. Per le merci e non solo per i turisti, tutto il Delta del Po è bypassato da quelle rotte». Corsini ha plaudito alle sinergie di commercializzazione turistica pubblico-private, sottolineando come quello comacchiese sia l’unico territorio in cui il privato concorre anche a proprie spese a sostenere le azioni di promozione. I buoni riscontri dell’affluenza turistica in crescita costante, con prenotazioni importanti dai mercati, soprattutto di lingua tedesca, stimolano a proseguire il percorso consolidato nelle fiere europee. Il lavoro sulla Destinazione Turistica continuerà, anche attraverso il progetto Vacanze Natura Cultura a imprimere impulsi strategici sul binomio mare e ambiente. Preoccupazione infine di Corsini sullo stallo della direttiva Bolkestein.

QOSHE - Strade e commercio carte vincenti per aumentare i turisti sui Lidi - Katia Romagnoli
menu_open
Columnists Actual . Favourites . Archive
We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Strade e commercio carte vincenti per aumentare i turisti sui Lidi

11 0
31.03.2024

ferrara

cronaca

Comacchio Infrastrutture (con la realizzazione della nuova statale Romea a due corsie di marcia da Mestre a Ravenna, con il potenziamento della idrovia ferrarese, attraverso interventi di messa in sicurezza dell’imboccatura del portocanale di Porto Garibaldi ed ulteriori interventi per rendere navigabile l’intero asse fluviale del Po e nuovi collegamenti con la linea di Costa mediante servizio di navetta-bus), sviluppo del commercio (grazie al nuovo bando da 18 milioni di euro, per attingere a contributi a fondo perduto con spese massime finanziabili di 200mila euro), potenziamento delle strategie di valorizzazione turistica, lavorando sul tema della destinazione turistica e su campagne mirate nei mercati di riferimento (soprattutto quelli di lingua tedesca,........

© La Nuova Ferrara


Get it on Google Play