We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Lotta ai tumori: servizio sanitario promosso ma con differenze regionali

1 0 0
25.11.2019

Circa due terzi di cittadini e pazienti oncologici soddisfatti dell’assistenza offerta dal SSN, ma con un pesante divario regionale, tra il top della Lombardia (81%) e la Calabria, dove un cittadino su tre esprime un giudizio negativo. In Puglia solo tre su 10 malati di cancro dichiarano di aver ricevuto diagnosi e trattamento nella stessa struttura. Lo rivela una ricerca realizzata da Ipsos in collaborazione con le Associazioni pazienti e presentata in occasione del Forum annuale del progetto “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere” promosso da Salute Donna onlus e da 24 Associazioni di pazienti oncologici e onco- ematologici.

In Italia, per il 2019, sono stimati 371 mila nuovi casi di cancro. Attualmente 3.460.000 persone convivono con un tumore, tuttora seconda causa di morte nel nostro Paese, ma quasi la metà dei cittadini si sente ancora poco informata: al Nord come al Sud solo un italiano su due (55%) ritiene di avere sufficienti informazioni. Gli italiani però, e in particolare i pazienti oncologici, sono per lo più (64%) soddisfatti dell’assistenza offerta dal Servizio Sanitario, seppure con forti differenze regionali: la percentuale dei giudizi positivi va dall’81% dei lombardi al 26% dei cittadini della Calabria, dove si registra anche il picco (36%) dei giudizi negativi. Ma ancora oggi un tumore su tre è scoperto per caso e solo il 6% viene evidenziato da un controllo di screening offerto dal SSN, e anche qui con rilevanti differenze regionali, dal 9% della Lombardia al 2% della........

© La Gazzetta del Mezzogiorno