We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Cul-de-sac

1 0 0
11.10.2019

Le Camere, approvando la riduzione del numero dei parlamentari, hanno infilato la nazione in un cul-de-sac politico, senz’esserne consapevoli appieno.

A parte l’insultante motivo del risparmio di spesa sbandierato da par suo dal garrulo Luigi Di Maio (che conferma indirettamente il mio vecchio aforisma secondo cui “chi ha letto dei libri non lo può nascondere”), se sia un bene o un male il Parlamento “dimagrito” potrà essere verificato in futuro dal funzionamento e da risultati conformi alle attese. Noi prevediamo delusioni perché le aspettative dichiarate non sono tutte coerenti con gli esiti preventivati oppure sono addirittura negative in rapporto al genuino “governo rappresentativo”. Per esempio, l’idea che il Parlamento “snello” avrà la capacità di fare leggi presto e bene molto più d’adesso è sbagliata e pericolosa in sé, perché il Parlamento non è un’industria e la sua produttività consiste nella qualità delle leggi e dei controlli, non........

© L'Opinione delle Libertà