We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Strage di Bologna e palestinesi: le difficoltà ideologiche di arrendersi all’evidenza

5 6 0
28.06.2019

E ora chi glielo dice alla sinistra felsinea che l’ultima perizia sui reperti della strage di Bologna riapre in pieno la tanto odiata ideologicamente ipotesi dell’attentato per ritorsione da parte del terrorismo palestinese e contemporaneamente esclude quella di matrice fascista? Sempre più definibile il vero primo depistaggio immobile di tutta l’indagine?

Soprattutto, chi glielo dice alla Corte di Assise che sta processando quasi 40 anni dopo Gilberto Cavallini per quello stesso reato per cui sono già stati condannati – ingiustamente – Francesca Mambro, Valerio Fioravanti e Stefano Ciavardini?

E a quei giudici e pm delle inchieste e dei processi che sin qui si sono succeduti? Compresi quelli che si riunivano nei primissimi anni Ottanta con i maggiorenti del vecchio Pci per concordare la linea politica delle indagini?

La difficoltà di arrendersi all’evidenza, da oggi anche scientifica – prima c’erano solo le prove testimoniali tra cui quella clamorosa di Stefano........

© L'Opinione delle Libertà