We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Basta la parola

5 1 0
20.09.2019

Al netto della interpretazione autentica della carta, sulla ricerca in caso di crisi, di una maggioranza alternativa, almeno su una cosa tutti dovremmo essere concordi, non fosse altro che per dare un senso alla democrazia compiuta, l’importanza formale e sostanziale della “parola”. Qui non si tratta solo di rispettare il dettato costituzionale che all’articolo 54 recita l’obbligo dei parlamentari e di chi svolga ruoli istituzionali, a farlo con onore, si tratta di dare corpo al rapporto di credibilità e di affidabilità fra parlamento, governo e i cittadini, gli elettori.

Insomma che piaccia o meno i padri costituenti vollero inserire quel termine “l’Onore” per garantire al popolo sovrano sia la certezza della scelta elettorale e sia la coerenza dei comportamenti di chi fosse delegato a rappresentarlo e governarlo. L’importanza della parola dunque da parte di chi rivesta funzioni pubbliche non può essere derubricata, almeno secondo noi, a fatto........

© L'Opinione delle Libertà