We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

La crisi di Forza Italia dipende dalla “chimica”

2 0 0
31.10.2019

Gli umbri non hanno premiato Forza Italia, che si è fermata al 5,5 per cento. Silvio Berlusconi si è rallegrato del risultato raggiunto dalla coalizione di centrodestra, ma non ha mostrato preoccupazione del magro risultato del suo partito, né ha manifestato, almeno pubblicamente, l’intenzione di voler modificare la sua struttura e la sua azione politica, così da rassicurare i militanti, assecondare le richieste di molti suoi parlamentari e tentare la rimonta alle prossime tornate elettorali.

Se è umano che reclami per sé la scelta del destino del partito, avendolo creato e fatto crescere, che protegga il suo operato e i suoi progetti, che mostri con orgoglio i risultati degli anni di governo e li mostri come vittorie ineguagliate, che ad esse rimandi costantemente negli “appelli” agli elettori sperando di riaccendere in loro la memoria storica delle glorie trascorse, è altrettanto umana la........

© L'Opinione delle Libertà