We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Trump avvera i sogni di Vladimir Putin

4 7 33
24.01.2019

Per quanto gli indizi siano preoccupanti, possiamo anche lasciarli da parte. L’attuale presidente degli Stati Uniti è un uomo che fino all’anno della sua vittoria elettorale ha negoziato con Mosca la costruzione di un grattacielo da cui avrebbe tratto grandi benefici e soprattutto moltissima pubblicità.

Lo stesso uomo avrebbe trascorso – è solo una voce, ma ribadita più volte – una notte più che agitata in un albergo della capitale russa, registrata dai microfoni dell’Fsb, i servizi segreti, l’ex Kgb. E come dimenticare, infine, che nella squadra che ha gestito la campagna elettorale di Donald Trump c’era almeno una persona molto vicina al Cremlino ansioso di veder vincere il magnate da accanirsi contro Hillary Clinton, con i risultati che conosciamo?

A qualsiasi autore di romanzi di spionaggio basterebbe uno solo di questi elementi, anche la voce di corridoio, per scrivere un best seller sull’agente russo che occupa l’ufficio ovale. Ma dobbiamo andare oltre questi fatti. Come ha sottolineato un articolo del sito Globalist, non c’è alcun bisogno di cercare prove di una collaborazione tra il presidente degli Stati Uniti e i servizi segreti russi. Anche se Trump fosse davvero un agente dell’Fsb, infatti, non avrebbe........

© Internazionale