We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Scegliamo i diritti umani invece che i dittatori 

6 8 197
31.01.2019

Il dibattito è vecchio. Riemerso nel contesto della visita di Emmanuel Macron in Egitto, affonda la sue radici alla metà degli anni settanta, quando la forza della contestazione all’interno dello schieramento sovietico aveva creato un dilemma per le capitali occidentali.

Dovevano mostrarsi fedeli ai loro valori e dunque difendere gli oppositori incarcerati? O restare in silenzio privilegiando i grandi contratti e la ragion di stato? L’elogio dello stato di diritto in Egitto, appena pronunciato da Macron al Cairo ci riporta al 1984, quando François Mitterrand, difendendo Andrej Sacharov mentre si trovava al Cremlino, aveva confermato la regola dell’epoca che consisteva nell’intercedere dietro le quinte e solo in casi individuali. “È più efficace” ripetevano le cancellerie occidentali, poco inclini a compromettere la distensione nel nome di ribellioni a cui non concedevano alcun futuro politico.

Solidarność, la perestrojka e la caduta del muro avrebbero poi........

© Internazionale