We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Tra i rovi, il fango e i sassi: qui dove Sebastiani ha sepolto Elisa Pomarelli

1 0 0
08.09.2019

DALL’INVIATO A SARIANO. Non bastano le scarpe da trekking: ci vogliono soprattutto forza, fortuna e coraggio. Per raggiungere il torrente secco che d’inverno scorre nel cuore di questa boscaglia si rischia di scivolare nel fango e di rotolare tra i rovi. Gli ostacoli sono tanti e si presentano all’improvviso: un sentiero scivoloso, i rovi che spuntano da tutte le parti, ma anche i rami che si spezzano e la stradina che cede facilmente.

Arrivare fino in fondo, partendo dal giardino delle poche case del borgo di La Costa di SARIANO, è un’impresa più da animali che da uomini. Massimo Sebastiani, il tornitore che ha ucciso Elisa Pomarelli, è arrivato fin giù portandosi in spalla un cadavere. Il corpo di quell’amica che non riusciva a conquistare e che quindi ha ucciso. I carabinieri escludono che l’abbia trascinato, altrimenti avrebbero trovato molte tracce tra le foglie........

© Il Secolo XIX