We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Ha raccolto le uova per la sorella, poi Elisa Pomarelli è stata uccisa da Massimo Sebastiani

1 0 0
09.09.2019

DALL’INVIATO A PIACENZA. Le sette uova che Elisa aveva appena raccolto sono ancora sul tavolo in legno, all’interno di una vecchia padella grigia. Le avrebbe volute regalare alla sorella, gliel’aveva già annunciato e persino scritto: una delle ultime frasi della lunga chat di WhatsApp. Nel pollaio in cui è avvenuto il delitto, dove la giovane di Piacenza è stata strangolata, è rimasto tutto al suo posto: perché nei 13 giorni di fuga, Massimo Sebastiani forse qui non è più ripassato. Neanche di notte. Non ha messo le cose in ordine, non ha fatto sparire quelle uova e questo ha fatto capire quasi ai carabinieri (e anche ai parenti) che non si poteva pensare a una fuga d’amore. Ma l’indizio che ha preoccupato di più gli inquirenti è quella motosega dimenticata sul tavolo, proprio accanto alle uova. Il timore, fino a quando il corpo di Elisa Pomarelli non è stato recuperato integro, in mezzo alla boscaglia di La Costa di Sariano era proprio quello che l’operaio l’avesse addirittura fatto a pezzi.

Che fosse stata uccisa i........

© Il Secolo XIX