We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Il governo ad Autostrade: «Risposta in tre giorni o sarà revoca immediata»

77 1 11
28.09.2020

ROMA. Sembra una sceneggiatura di John Woo: pistole puntate e morti annunciate. Da un lato il governo che da due anni – da quel maledetto 14 agosto del crollo di Ponte Morandi - minaccia un atto di revoca mai formalizzato. Dall’altra Autostrade la quale, forte della minaccia di una richiesta miliardaria di risarcimento, tenta di minimizzare il costo dell’uscita da una delle più vantaggiose concessioni della storia. La scena cult si ripete ormai alla noia, prima con la maggioranza giallo-verde, ora con quella giallo-rossa. I protagonisti sono sempre gli stessi: da un lato Giuseppe Conte, per ironia della sorte un avvocato amministrativista, dall’altra la famiglia Benetton, i suoi sedici eredi e i molti investitori internazionali azionisti di Autostrade e della capogruppo Atlantia. Difficile dire se siamo all’ultimo atto, di certo ci siamo molto vicini. Basta riavvolgere la pellicola di qualche settimana: a luglio, dopo molti fallimenti e lunghissime discussioni, le parti si vincolano ad un accordo: la vendita di una quota rilevante della società........

© Il Secolo XIX


Get it on Google Play