We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Mete in Japan: ramazze, microbagni e palloni in umido alla Coppa del Mondo di rugby

2 0 0
03.10.2019
dal nostro inviato
SHIZUOKA
Ramazze. I primi a iniziare sono stati i giapponesi, ma della questione si parlò poco perché il loro rugby fino a pochi anni fa non era in prima fila come oggi. Poi arrivarono le loro maestà gli All Blacks e allora sì che divenne celebre il fatto di lasciare gli spogliatoi così come li si aveva trovati. L’altro ieri dopo Italia-Canada è stata molto vista la foto del pilone azzurro Marco Riccioni che brandeggia una ramazza per raccogliere tutto quello che finisce sul pavimento degli spogliatoi dopo una partita.

E guardate che con i rugbysti di mezzo quel pavimento diventa un campo di battaglia con lapilli di fango, ciuffi d’erba, bende impomatate e spesso macchiate di sangue, lunghe teorie di fasce elastiche, rimasugli di cibo e di bevande, birra, in genere. Una discarica, insomma. Ma a questo primo mondiale in Asia la cortesia e la pulizia dei giapponesi ha contagiato tutte le squadre e così anche star milionarie (purtroppo per lui non mi riferisco al teramano Riccioni ma agli assi........

© Il Messaggero