We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Il re dei videogiochi rischia un doppio rinvio a giudizio

5 1 0
05.06.2019

PADOVA. Doppio guaio giudiziario per l’ingegnere Mauro Chinea, l’imprenditore 64enne con casa nel centralissimo corso Milano considerato per anni il “re” dei videogiochi e già presidente nazionale del Criga (Consorzio rete italia gestori automatico) e presidente del Sindaut (Sindacato aderente alla Cisl degli operatori e gestori di giochi automatici). Dopo il fallimento di Di.Co.Ma., la sua società attiva nel settore dell’installazione e del noleggio di apparecchi da intrattenimento, ora rischia di finire sul banco degli imputati in due processi: da una parte è accusato di bancarotta fraudolenta per aver distratto quasi 5 milioni di euro dalle casse di Di.Co.Ma e documentale, oltre al reato di falso in bilancio e infedele dichiarazione sui redditi; dall’altra è chiamato a rispondere dell’accusa di peculato per 7.180.708 euro, tributo fiscale che avrebbe dovuto versare all’Erario. A difenderlo il penalista Fabio Pinelli.

Reati fallimentari


Ieri il gup padovano Mariella Fino avrebbe dovuto pronunciarsi sulla richiesta di rinvio........

© Il Mattino di Padova