We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Cinque punti per evitare il governo barzelletta

7 22 0
23.08.2019

La giornata di ieri si è conclusa con una raffica di prolifiche consultazioni che hanno suggerito al presidente della Repubblica di offrire altri giorni al Partito democratico e al Movimento cinque stelle per tentare di dare forma a quel progetto di governo che le delegazioni dei due partiti ricevute ieri al Quirinale hanno disegnato per la prima volta di fronte al presidente della Repubblica.

Il governo giallorosso, o se volete rossogiallo per non far perdere i sensi ai già martoriati tifosi della Roma, ha ancora molti passi da fare, molti problemi da affrontare e molti veti da superare ma le consultazioni di ieri hanno consegnato agli osservatori la certezza che quello che fino a qualche mese fa sembrava impossibile oggi è diventato possibile e se per un qualche scherzo del destino ciò che oggi sembra possibile dovesse diventare nuovamente impossibile (Salvini ci spera e ieri ha addirittura proposto al M5s e alla Lega un rimpasto) vi sarebbe un’ulteriore opzione che renderebbe impossibile il ritorno alle urne così desiderato da Matteo Salvini: una maggioranza pazza, “istituzionale”, allargata non solo al M5s e al Pd ma anche a Forza Italia, che ieri ha riferito a Sergio Mattarella di essere pronta a fare quello che la Lega ha fatto un anno e mezzo fa e cioè rompere l’alleanza del centrodestra per far partire un governo modello Draghi capace di ritardare quanto più possibile la data delle elezioni (opzione oggettivamente da incubo per il M5s). Di fronte a........

© Il Foglio