We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Che divertimento con l’Arlecchino di Goldoni firmato Binasco

1 0 0
18.02.2020

Per lo spettatore, che volesse (finalmente) uscire da un teatro con l’animo lieto, dopo avere visto uno spettacolo davvero divertente, ecco disponibile “Arlecchino servitore di due padroni” di Carlo Goldoni nella versione diretta da Valerio Binasco, prodotta dal Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale e ospitata al Teatro Argentina di Roma fino al 23 febbraio, per poi ripartire in tournée.
E’ la moderna messa in scena di un testo diventato leggenda del Teatro italiano: una commedia che fa da cerniera fra le maschere della Commedia dell’Arte e il teatro moderno e insieme un duello di arte della recitazione da mandare a memoria, fra Arlecchino e i suoi compagni in costume.

Tutto questo appartiene al controverso rapporto fra Goldoni (1707-1793) e gli spettatori del suo tempo. Ma, in più, interprete insuperabile ne fu Giorgio Strehler, con una straordinaria regia della fine degli anni Quaranta, che da allora è stata replicata dal Piccolo Teatro di Milano per oltre sessanta anni, in Italia e in tutto il mondo, con gli stessi straordinari attori-mimo, Marcello Moretti, prima, e Ferruccio Soleri, dopo. Secondo gli annali, è stato lo spettacolo teatrale italiano più visto nel mondo e quello di più lunga vita. Un doppio record,........

© HuffPost