We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Quando Gianni Mura disse: «La felicità è verde e azzurra. E mi sono innamorato 12 volte»

1 0 1
21.03.2020
shadow

Stampa

Email

21 marzo 2020 (modifica il 21 marzo 2020 | 17:44)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Gianni Mura, morto il 21 marzo 2020 all’età di 74 anni, era nato nel ’45 a Milano. Liceo classico, studi di Lettere moderne interrotti quando, nel ’64, è diventato praticante alla Gazzetta dello Sport. Come giornalista sportivo, ha lavorato per il Corriere d’Informazione e per Epoca. Dall’83 era alla Repubblica, dove era cronista e commentatore di calcio e ciclismo, ma non solo. Teneva una rubrica settimanale la domenica, Sette giorni di cattivi pensieri. Sul Venerdì, con la moglie Paola, curava la rubrica di enogastronomia Mangia & Bevi. All’epoca del Questionario di Io Donna, il 4 agosto 2007, aveva da poco pubblicato un noir ambientato al Tour de France. Titolo: Giallo su nero (Feltrinelli).

Il tratto principale del suo carattere?
La sensibilità.
La qualità che preferisce in un uomo?
La generosità.
E in una donna?
La franchezza.
Il suo principale difetto?
Mi arrabbio poco.
Il suo sogno di........

© Corriere della Sera