We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Israele, le scelte della generazione che non ha mai conosciuto il labour (e neanche i palestinesi)

1 0 0
03.03.2020
shadow

Stampa

Email

3 marzo 2020 (modifica il 3 marzo 2020 | 18:58)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

DAL CORRISPONDENTE A GERUSALEMME – Sono nate il 22 giugno del 1997, Benjamin Netanyahu era al potere per la prima volta da 461 giorni. Non erano ancora maggiorenni il 15 marzo del 2015, quando il leader israeliano ha vinto il quarto mandato. Così le gemelle Alona e Alma hanno votato per la prima volta lo scorso aprile, una seconda a settembre e ieri hanno messo la croce di nuovo sulla scheda. Da elettrici debuttanti (come gli altri giovani nati attorno al 2000) a forzate delle urne (come tutti gli israeliani).

Alma

«Undici mesi fa ero molto eccitata, sentivo il peso della responsabilità, ho scelto Blu Bianco di Benny Gantz, perché volevo e voglio il cambiamento – spiega Alma –. Al secondo giro mi sono spostata su Campo Democratico attratta dalla presenza in lista di Stav Shaffir, un’ispirazione fin dalle proteste del 2011».

Stav la rossa di anni ne ha 34, pochi mesi fa non è riuscita a mettersi d’accordo con la sinistra per avere un altro posto in lista, è stata tra i capi del movimento che si è accampato sotto le........

© Corriere della Sera