We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Generali, ecco come sarà il lavoro in smart working per il 100% dei dipendenti (a turno)

5 30 151
16.10.2020

lavoro

Generali, ecco come sarà il lavoro in smart working per il 100% dei dipendenti (a turno)

di Dario Di Vico16 ott 2020

«Indietro non si torna. Siamo già dentro la rivoluzione del lavoro. Concetti tradizionali come ufficio, appartenenza, produttività, professionalità andranno in tutto o in parte riscritti. E noi di Generali siamo pienamente dentro questo flusso. Abbiamo fatto la nostra scelta». Monica Possa è la responsabile del personale del gruppo Generali a livello mondo e le abbiamo chiesto di raccontarci come un colosso dei servizi sta gestendo lo smartworking in emergenza e quali saranno invece le scelte implementate a regime, ovvero nel post-vaccino. La risposta non poteva essere più netta: «Il lavoro da remoto interesserà, seppur modularmente, il 100% dei dipendenti Generali».

Cominciamo dai numeri: quanti i dipendenti, quante le donne e quale l’età media?

«Siamo quasi 72 mila nel mondo e 17 mila in Italia. Le donne nel ‘19 erano arrivate al 51%. L’età media mondo è 42,5 anni, in Italia 44,3».

Prima del virus avevate il lavoro agile?

«Ci siamo messi in cammino nel dicembre 2018 con il Piano Strategico 2020-21 che lo legava ai processi di trasformazione digitale. Quando è scoppiato il Covid il 62% dei Paesi dove siamo presenti lo attuava in via sperimentale. Ma in Italia questa opzione, che c’era, non veniva valorizzata e il suo utilizzo era molto limitato».

LAVORO

Effetto Covid, dimezzati gli stage in azienda, penalizzate le ragazze

di Rita Querzè

L’epidemia ha spazzato queste remore?

«Di colpo. Abbiamo messo tutte le nostre persone in sicurezza in due settimane e il remote working è diventato “il” modo di lavorare in Generali. In ufficio sono rimaste poche figure professionali: alcuni addetti ai servizi informativi di supporto, di logistica, di gestione sedi e di sicurezza».

Preferisce remote e non smartworking?

«Lo smartworking dovrebbe essere qualcosa di più ricco. Presuppone maggiore sintonia con la digitalizzazione, responsabilizzazione della persona e il passaggio alla misurazione della prestazione tramite il conseguimento degli obiettivi. Un processo in corso ma non concluso».

Un’azienda di servizio non perde d’occhio il cliente. Come è cambiata questa relazione?

«Anche in questo caso si è evoluta. Ci siamo posti l’obiettivo di essere reperibili e vicini con i vari strumenti, digitali o via telefono, e ci siamo riusciti».

LAVORO

Da Ericsson e Vodafone a Fastweb: «Sei su 10 in smart working anche dopo il Covid»

di Rita Querzè

Durante questi mesi avete fatto ricorso a survey sul clima aziendale?

«Sì, per sapere come i dipendenti si stavano adattando e abbiamo registrato gratitudine per come la compagnia aveva garantito la sicurezza personale. Poi abbiamo registrato una disponibilità ad imparare cose nuove che ci ha permesso di accelerare il piano di reskilling, lanciato a prescindere dal Covid. Nello stesso tempo però abbiamo trasmesso alle nostre persone l’input di non esagerare con i ritmi di lavoro, di conservare una dimensione umana. Non volevamo che remoto fosse sinonimo di freddo, meccanico. Nel lavoro d’ufficio ci sono molte occasioni di socialità e di appartenenza come le riunioni, le chiacchiere alla macchinetta del caffè o la pausa mensa. Questa informalità calda non si deve perdere, va solo ripensata. In qualche caso i reparti si sono auto-organizzati con appuntamenti collettivi giornalieri o addirittura aperitivi di svago, tutto in digitale».

Il monitoraggio a quali conclusioni porta?

«Che dobbiamo costruire il new normal, cominciare a prefigurare come sarà il lavoro di domani all’insegna della professionalità ma replicando il carattere di scambio e interazione tipico dell’ufficio. Pensiamo che l’innovazione abbia bisogno di presenza, quindi costruendo il lavoro del futuro terremo presente il ruolo dell’ufficio, non lo cancelleremo. Non a caso dopo l’estate abbiamo sentito l’esigenza di una riconnessione con i nostri dipendenti e abbiamo aperto a un graduale ritorno. Grazie a un’apposita app abbiamo regolato il traffico, garantendo turni di presenza di massimo 2 giorni a settimana, che ci consentono di garantire la massima sicurezza».

Che reazione c’è stata?

«Le persone avevano voglia di tornare. Farlo al 100% avrebbe innescato timori e la turnazione ci ha permesso di conciliare sicurezza e presenza. Abbiamo predisposto postazioni distanziate, persino programmato le corse degli ascensori a capienza ridotta. Alla fine il 10-15% dei dipendenti è in ufficio. Non di più, anche volendo un dipendente non può farlo tutti i giorni».

Avete misurato gli effetti sull’efficienza?

«La produttività per noi è fondamentale, ma non ho mai sentito in questi mesi i manager operativi lamentarsi per problemi di scarsa efficienza, le persone si sono messe in gioco. Grazie anche a un sistema di performance management ognuno si è visto assegnare i suoi obiettivi. Siamo abituati finora a valutare la produttività con cadenza annuale, forse in futuro troveremo altre metodologie e frequenze di misurazione del valore aggiunto prodotto e del contributo dato».

Avete avuto problemi di hackeraggio?

«Incrociando le dita non abbiamo avuto criticità di cyber security.........

© Corriere della Sera


Get it on Google Play