We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Tennis, ecco perché Rafa Nadal è il più grande sportivo di tutti i tempi

4 23 0
09.06.2019

Stiamo passando la vita a discutere se il più grande nella storia del tennis sia Roger Federer o Rafael Nadal. E non ci rendiamo conto che Nadal è forse il più grande sportivo di tutti i tempi. Di sicuro il più grande che abbia visto in questo mezzo secolo (il mio primo ricordo è l’asciugamano bianco che vola dall’angolo di Nino Benvenuti per fermare il massacro a opera di Carlos Monzon: 8 maggio 1971. Monzon del resto era un assassino in senso tecnico, non a caso avrebbe poi ammazzato la moglie).

Il tennis è lo sport che più somiglia alla boxe. Una boxe giocata con la testa. Federer è un dio; Nadal è un Prometeo. È difficile parlare con e di Federer: le volée, come i romanzi, non si raccontano. Nadal ha una grande storia da raccontare, perché si è costruito da sé: da destro divenne mancino; si è ripreso da gravi infortuni.

E poi ha una straordinaria faccia da attore latino, da divinità inca, da guerriero apache.

Quando domenica pomeriggio ha perso il secondo set con Thiem, ho avuto paura per Thiem. Perché Nadal è rientrato in campo incazzato come una belva ferita. Non con Thiem; con se stesso. Per questo ha divorato Thiem – grande campione dal sicuro avvenire – con la ferocia di un predatore che deve procacciare cibo ai suoi cuccioli.

Ma Nadal non è soltanto un combattente. È un intelligentissimo giocatore di scacchi, che non muove mai una pedina per caso, quasi sempre sa cosa sta pensando l’avversario, e quasi sempre è là dove l’avversario pensa che non sia.

Certo, i confronti con gli altri sport sono sempre........

© Corriere della Sera