We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Un uomo solo al comando

2 0 0
27.03.2020

Ammesso che di questi tempi a San Gregorio Armeno qualcuno ne possa o voglia inventare, un pastore non sarebbe bastato, e allora la fantasia dei napoletani e, con un’accezione più larga, dei campani si è adeguata ai tempi e sta sfornando ad un ritmo impressionante e con risultati spesso geniali prodotti più contemporanei. Segno di modernità in cui persiste con la sua forza intramontabile il nostro impareggiabile dialetto. Il protagonista è lui, Vincenzo De Luca. Altro che «sceriffo», lui ora è un mito. Planetario, si deve aggiungere, per aver messo in fila Crozza, Verdone e Naomi Campbell, ma non finirà qui. Immagini con battute folgoranti, disegni animati con sottofondo musicale irresistibile come una rielaborazione divertentissima di un brano di De Andrè, caricature che neanche Forattini se le sarebbe mai sognate: non so voi, io ne sono bombardato e non nascondo che la prima reazione è di un sorriso quasi fossi a teatro. E tutto sommato non è male un momento di leggerezza in un clima così pesante.

Poi, però, si torna con i piedi per terra e ci si accorge che c’è poco da ridere. Il fatto è che questo boom di simpatia per il nostro governatore sottende un bisogno di rassicurazione in un tempo di........

© Corriere del Mezzogiorno


Get it on Google Play