We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Una città tra fischi e fiaschi

1 0 0
06.07.2019

C’è qualcosa di schizofrenico, per non dire demenziale, che vien fuori dall’esibizione di fischi allo stadio San Paolo, in occasione della cerimonia per le Universiadi. Fischi di cui ieri, con estrema limpidezza di pensiero, ha scritto il direttore Enzo d’Errico, centrando il punto quando parla di «lazzarismo» imperante in città e auspicando che Napoli abbia il suo posto «tra le grandi capitali della cultura europea». Devo ammettere che, su quest’ultimo auspicio, ho attese prossime allo zero (almeno finché sarò in vita). Personalmente mi basterebbe che Napoli diventasse una città un po’ più vivibile. Una città dove, in questi tempi generalmente rancorosi e lividi, una rumoreggiante quanto vaga contestazione non finisca per assumere i connotati di una malintesa libertà di espressione. Perché - questo ci dice lo spirito dei tempi - è libertà d’espressione emettere sentenze........

© Corriere del Mezzogiorno