We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Il successo del «brand» malavita

2 0 0
12.07.2019

Cosa succede se il New Tork Times si lascia sfuggire che la riscoperta turistica di Napoli è dovuta, in buona sostanza, all’impatto mediatico di libri (e poi di serie tv) come «L’amica geniale» e «Gomorra»? Ha ragione il prestigioso quotidiano newyorchese o è la solita cantonata di chi pretende di raccontarci da lontano? Di certo, da cittadini napoletani, non possiamo dire che questo successo dipenda dalla qualità dei servizi, dai trasporti al decoro urbano. Inoltre, per chi, come noi partenopei, si ritiene portatore sacro del significato primigenio e autentico di ciò che significa «napoletanità», la tesi del giornale americano rappresenta uno smacco quasi più grave del capopolo-Sarri alla Juventus e dell’«avaro» De Laurentiis che spende e spande per i campioni per far contenta la sua tifoseria. Soprattutto rispetto all’opera di Roberto Saviano, che in tante, infinite, sfibranti discussioni ha trascinato i napoletani, in........

© Corriere del Mezzogiorno