We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

L'analisi Crisi europea dell'accoglienza nell'era dei nazional-populismi

1 0 3
27.06.2020

Ufficio stampa Oxfam

La crisi europea (e occidentale) nei confronti dell’accoglienza dei rifugiati sarà probabilmente ricordata negli anni a venire per la concomitanza e la pressione esercitata dai nazional-populismi, diventati scomodi protagonisti dello scenario politico di diversi Paesi democratici. I fenomeni sociali e politici non hanno mai una sola causa. Movimenti e partiti anti-establishment e anti-immigrati erano sorti anche prima del 2015, anno emblematico della 'crisi dei rifugiati', o del 2011, anno delle 'primavere arabe': quella stagione di speranze che aveva messo in movimento una regione cristallizzata, finendo purtroppo nel tragico conflitto siriano, nella guerra civile libica, nella repressione egiziana di Al-Sisi, per citare soltanto gli sbocchi più sanguinosi.

L'ostilità verso gli immigrati e verso l’islam, con una diffusa sovrapposizione tra i due aspetti, ha rappresentato un marchio di fabbrica di questi movimenti: dal Front National francese alla Lega (Nord) italiana, da Alba Dorata in Grecia alla Lista Pim Fortuyn nei Paesi Bassi, dal Vlaams Blok nelle Fiandre Belghe al Partito della Libertà austriaco, fino ad altre formazioni analoghe nella regione scandinava. Gli attacchi terroristici perpetrati in diverse città europee hanno contribuito a rafforzare il nesso tra immigrazione, islam, minaccia securitaria, ampiamente sfruttato dai nazional- populismi. Più dell’80% dei rifugiati internazionali durante tutto questo periodo sono stati accolti nei Paesi in meno sviluppati, soprattutto quelli confinanti con le zone devastate dalle guerre, dalla persecuzione delle minoranze e dalle crisi umanitarie.

Nel 2015 e 2016 tuttavia i Paesi della Ue sono stati chiamati a un impegno di accoglienza significativo, con 1,3 milioni di domande di asilo nel 2015 e 1,2 milioni nel 2016. Questa domanda di apertura dei confini non era inedita, come è stato ripetutamente affermato, giacché negli anni 90, all’epoca delle guerre jugoslave, una Ue più piccola aveva accolto numeri analoghi di........

© Avvenire


Get it on Google Play