We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Prezzi falsi anzi distorti Il gran nodo dei combustibili fossili

6 0 0
20.07.2019

Dobbiamo fare la nostra parte per fermare l’ulteriore innalzamento della temperatura terrestre, e questa estate infuocata contribuisce a farcelo capire. La gran parte della comunità scientifica ci dice che per arginare la situazione bisogna dimezzare le emissioni di anidride carbonica in eccesso da qui al 2030 e azzerarle entro il 2050. Dobbiamo, cioè, abbandonare i combustibili fossili, ma lo stiamo facendo troppo lentamente: l’80% di tutta l’energia che consumiamo a livello mondiale proviene ancora da lì. Non solo petrolio e gas, che assieme coprono il 53% del fabbisogno energetico mondiale, ma anche il carbone (assai più inquinante) che interviene per il 28%.

Così anche nella produzione di energia elettrica: nel mondo il 40% di essa proviene da centrali a carbone mentre le fonti rinnovabili (acqua, sole e vento) contribuiscono solo per il 25%. Uno dei motivi di questa lentezza sono le condizioni di favore che rendono i fossili artificiosamente convenienti. Una distorsione che si realizza per tre vie.

La prima strada è quella delle sovvenzioni alla produzione: soldi pubblici dati alle imprese energetiche a sostegno di investimenti estrattivi. Secondo l’Ocse, nel 2017 sono........

© Avvenire