We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Il dovere L’Onu: asilo per gli sfollati del clima

2 0 0
31.01.2020

Il procedimento è stato lungo, ma alla fine Ioane Teitiota una vittoria l’ha ottenuta: le Nazioni Unite hanno riconosciuto il diritto di poter presentare domanda di asilo in nome dei rischi climatici. Tutto inizia nel 2007, quando Ioane lascia la sua casa, insieme alla famiglia, per trasferirsi in Nuova Zelanda. La sua patria di origine è la Repubblica di Kiribati, un arcipelago del Pacifico formato da una trentina di isolotti, lembi piatti che a malapena emergono dal mare.

L’isola principale è Tarawa, una delle poche con energia elettrica e l’unica ad avere l’ospedale. Motivo per cui nel corso del tempo molte famiglie dell’arcipelago hanno lasciato l’isola natia e si sono trasferite a Tarawa dove si trova circa la metà dell’intera popolazione dell’atollo. Fra esse la famiglia di Ioane che a Tarawa poté studiare e in seguito trovare lavoro presso un’impresa commerciale che però chiuse sul finire del vecchio millennio.

Da allora Ioane non ha più trovato un impiego stabile. Ciò non di meno nel 2002 si sposò. Insieme alla moglie si era costruito una casetta che pur essendo sprovvista di servizi igienici aveva il vantaggio di essere allacciata alla linea elettrica ed era provvista di........

© Avvenire