We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

I NAPOLETANI SONO TUTTI LADRI

1 0 0
15.06.2019

DI MAURIZIO PATRICIELLO

Sono napoletano, non sono un ladro. Come me, migliaia di napoletani, furti, rapine e “scippi” di ogni tipo li hanno subiti, non provocati. Le parole, pesanti come una montagna, rivolte a una persona campana da un barista a Courmayeur, offendono non solo me e i miei corregionali onesti ma la ragione e il buon senso. Prima di parlare è sempre bene pensare e pesare le parole, per non fare figuracce, non creare inutili polemiche, per non essere ridicoli, per evitare spiacevoli conseguenze. L’antico, noioso, antipatico, insopportabile vezzo di impacchettare le persone, come se fossero noccioline, e giudicarle dal colore della pelle, dalla lingua che parlano, dalla religione che professano o dal conto in banca, è duro a morire. Queste offese gratuite fanno soffrire gli onesti e crepare dalle risate i disonesti. Onesti e disonesti che, naturalmente, trovi dappertutto. E questo fatto inquieta. Inquieta prendere coscienza che il male, come la muffa, si annida anche dove non te lo aspetti, e cioè nel tuo stesso cuore. Per estirparlo devi impegnarti, lavorare, lottare. Devi sudare, imparare a ragionare.........

© Alganews