We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Salvini e grillini

3 0 15
15.06.2018

Ci eravamo sbagliati. Avevamo scommesso che le buone intenzioni di Matteo Salvini sarebbero andate in vacca a causa della coabitazione con i Pentastar. Lo ammettiamo, con buona pace degli analisti bravi che “dopo” avevano sempre previsto tutto, anche se a parziale scusante c’è il fatto che era difficilmente immaginabile che i grillini, una volta al Governo, si accucciassero zitti zitti lasciando che il Governo Salvini (perché di questo si tratta) agisse senza veto alcuno. Era un’ipotesi altamente improbabile, ma si è realizzato il paradosso in base al quale chi ha il 17 per cento (la Lega) comanda a bacchetta chi ha il 33 per cento (i grillini). Ipotesi probabile come un sei al superenalotto.

Salvini inoltre, dimostratosi uno stratega con gli attributi fumanti, ha sferrato quasi subito il primo colpo vittorioso ben sapendo che, con l’approssimarsi dell’estate, si sarebbe presto verificato il casus belli buono per uno strappo sul tema immigrazione.

L’operazione Aquarius sembrava un’operazione preparata da tempo: basata su un fondamento giuridico solido – l’articolo 19 della Convenzione delle Nazioni Unite, la Convenzione di Amburgo, l’articolo 83 del Codice........

© L'Opinione delle Libertà