We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Politicanti, antipolitica, e la politica?

6 1 6
23.01.2018

Quando Silvio Berlusconi afferma sicuro: “Non fidatevi dei grillini! Non fatevi tentare dal M5S!” perché, chiarisce, un governo del comico genovese (e di Casaleggio) peggiorerebbe la situazione economica e sociale del Paese, non parla come in un talk-show qualsiasi - tutti o quasi timidi nei confronti di un Luigi Di Maio e ora più indirizzati di prima verso la gauche - ma perché sa che riflettendoci sopra, una dichiarazione sua, nei confronti della complessità italiana ed europea, non può non essere il frutto più vero di quella che si chiamava, e ora molto meno di prima, con una parola molto semplice: politica.

E quando Silvio Berlusconi, questa volta in un talk-show tipo quello condotto da Massimo Giletti, torna ad esclamare che non ne può più dei politicanti giacché lui stesso si sente disgustato da quello che è successo in politica in questi anni, ma il rimedio non è affatto votare per Di Maio, intende chiarire una posizione dell’oggi italiano, ma, a ben vedere, non riesce prendere una distanza netta da quell’antipolitica profusa a piene mani e confusa spesso nel gruppone dei cosiddetti politicanti, sempre gli altri, ovviamente, manifestando una sorta di doppiezza, di doppione, di altra maschera all’uopo indossata,........

© L'Opinione delle Libertà