We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Perché l’Algeria non riesce a rimpiazzare Bouteflika

3 3 79
15.02.2019

Tra i capi di stato del mondo c’è di tutto: ci sono dei pazzi e dei cattivi, degli aguzzini e degli incapaci, ma l’Algeria è l’unico paese a permettersi il lusso di una quinta candidatura di un presidente che sei anni fa è stato vittima di un ictus cerebrale che lo ha condannato alla sedia a rotelle e che gli impedisce di parlare, quanto meno in pubblico.

Magari Abdelaziz Bouteflika non ha perso le sue facoltà intellettuali – e molti testimoni, compiacenti o meno, sembrano confermarlo. Ma in ogni caso la situazione non cambia: il prossimo 18 aprile una mummia sarà rieletta a capo del più vasto stato del Mediterraneo, grande quattro volte la Francia.

Non si sa se ridere o se piangere, forse entrambe le cose. Ma questa situazione, per quanto dannosa possa essere per l’Africa, l’Europa e l’Algeria, non è inspiegabile.

In primo luogo è la conseguenza dei circa 200mila morti della guerra civile che ha........

© Internazionale