We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Tagliando gli stipendi solo i ricchi in politica

3 0 0
19.02.2018

Il vocabolo “pauperismo” ha due significati: in economia descrive l’impoverimento di quote di popolazione o di aree di un Paese (sinonimo di “depauperamento”); per gli storici identifica i movimenti spirituali e, in parte, sociali che nel Medio Evo e poi nel XX secolo fanno della povertà una scelta di vita da contrapporre agli stili immorali di chi conta su enormi fortune, come gli ecclesiastici cattolici nel Duecento e nel Trecento e, più recentemente, i grandi capitalisti dell’Occidente. In questa seconda accezione, si sottintende generalmente che il povero non ha vizi mentre il ricco ne è una sentina.

Da qualche tempo in Italia il pauperismo è tornato di moda in una versione creativa e ridotta: molti cittadini si scoprono neo-pauperisti non perché improntano la propria condotta secondo le regole di San Francesco o San Domenico di Guzman, ma in quanto pretendono che chi amministra la cosa pubblica non si sostenga con i proventi del proprio lavoro. Secondo questi elettori, i politici e anche i funzionari dello Stato «prendono........

© Il Mattino di Padova