We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Uguali e diversity

1 3 10
12.07.2018

E’ dei giorni scorsi una direttiva (guideline) dell’amministrazione Trump di ignorare l’etnia per le domande di ammissione alle università americane. Le ammissioni devono, secondo questa direttiva, essere, da ora in poi, “daltoniche” in quanto alla razza (race-blind). Nel 2011 e poi di nuovo nel 2013, sotto la presidenza Obama, in ben 23 documenti di guida, alle università e alle scuole veniva esplicitamente raccomandato di adottare criteri etnici “per raggiungere la diversità” nell’educazione e per evitare la “racial isolation”. Harvard ha subito controbattuto che continuerà, come in passato, ad adottare criteri etnici “per creare, nel campus, una comunità diversificata, nella quale studenti provenienti da ogni settore della vita avranno l’opportunità di imparare con altri e da altri”.

Bene, non si vede come un’amministrazione al vertice possa controllare se simili direttive sono, o non sono, seguite. Si dovrebbero riesaminare centinaia di migliaia di domande e di accettazione e le relative ammissioni, setacciandone i criteri. L’unica arma che, potenzialmente, l’amministrazione centrale dello stato ha a disposizione è quella di modulare l’elargizione alle università di fondi federali per insegnamento e ricerca. Certo non semplice.

Ancor più complesso sarebbe applicare simili direttive a........

© Il Foglio