We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Gualtiero Marchesi era il più grande e lo sapeva

0 0 0
26.12.2017

La triste notizia mi ha colto a Riccione mentre stavo cercando di ingurgitare una specie di piadina malcotta e lurida, ripiena di salsiccia e cipolle che bastava guardarle per profetizzare una notte insonne: la terribile vecchia cucina. Gualtiero Marchesi era il più grande perché aveva importato nell’Italia delle trattorie per camionisti, e dei ristoranti con i set sale-pepe-stuzzicadenti sul tavolo, l’indispensabile nouvelle cuisine, opportunamente tradotta (non solo linguisticamente, anche culturalmente) come nuova cucina.

Nato in una famiglia di albergatori, però non eclatante, aveva studiato in Svizzera e poi nelle più aggiornate cucine francesi, in particolare dai fratelli Troisgros, per aprire nel 1977 in via Bonvesin de la Riva un ristorante tutto suo e........

© Il Foglio