We use cookies to provide some features and experiences in QOSHE

More information  .  Close
Aa Aa Aa
- A +

Al fenomeno delle baby gang la risposta è nella legalità

0 0 0
18.01.2018

Gaetano, 15 anni di Chiaiano, picchiato senza alcun motivo da una baby gang di dieci sconosciuti; Luigi, 14 anni di Caserta, colpito alla testa da un proiettile vagante; Arturo, 17 anni di Napoli, circondato da quattro minorenni e pugnalato venti volte; due studenti di 14 e 15 anni di Pomigliano d'Arco aggrediti a colpi di catena... Queste sono soltanto le ultime vittime della violenza da parte di bande di minorenni che in queste ultime settimane hanno interessato Napoli e il suo hinterland.

La stampa nazionale racconta quasi ogni giorno di giovani che vengono aggrediti, in maniera brutale e violenta da coetanei, spesso appartenenti a baby gang. Ciò che lascia più esterrefatti è che gli atti di vandalismo e bullismo (già gravi di per sé), hanno lasciato il posto all'ostentazione del potere, alla violenza gratuita fatta per sfregio più che per ragioni economiche.

Nelle periferie delle città, spesso........

© HuffPost